• L’inQubatore per una rete di buone pratiche

    Fabio Dipinto racconta l’associazione nata per promuovere la cultura sostenibile nell’area torinese, i risultati dell’edizione zero di BeeGreen e i progetti futuri.

    “Le parole chiave alla base del nostro agire sono valorizzazione del territorio e tutela dell’ambiente.” Così si presenta l’inQubatore Qulturale, attivo dall’autunno 2016, quando si aggiudicò un bando pubblico legato a Corona Verde, diventato Associazione culturale nel settembre 2017.

    Proseguì nella lettura

  • Diffondiamo il bene comune

    copertina AC Numero 6

    Per proseguire nella lettura del nostro approfondimento: "Diffondiamo il bene comune"

    Proseguì nella lettura

  • Il pensare collettivo dell’apina verde

    Il ragionare individuale è talmente radicato nella nostra cultura che il pensare collettivo diviene come irreale.Eppure dai tempi remoti del “divide et impera” dovremmo avere compreso che l’egocentrismo indotto è tecnica efficace per il controllo delle masse e per favorire il consumismo.

    Proseguì nella lettura

  • Turisti o viaggiatori?

    Dissertazione breve per proporre un nuovo, o forse molto antico, modo di conoscere il mondo lentamente

    "Il turismo è un peccato mortale" sosteneva Werner Herzog. Però il turista fa girare l'economia. E anche noi siamo convinti che il vero petrolio dell'Italia è la sua bellezza dalle mille forme: sta nei paesaggi che cambiano ogni pochi chilometri, nei cibi sempre gustosi e mai identici, nel patrimonio artistico e culturale immenso.

    Proseguì nella lettura

  • Mettiti nei miei panni

    Gli abiti che indossiamo possono contenere sostanze nocive per la salute ed essere realizzati sfruttando i lavoratori e danneggiando l’ambiente. I consigli per scegliere in modo responsabile

    Con l’arrivo della primavera giunge l’immancabile appuntamento del cambio di stagione che mette a dura prova la calma interiore di ogni abitante su questa terra.

    Proseguì nella lettura

  • Acquistare senza prevaricare

    Consumatori equi o predatori? Consigli per acquisti equilibrati in un mondo un po’ troppo squilibrato

    “Quando l’economia uccide bisogna cambiare” è l’invito di padre Alex Zanotelli, prete comboniano che ha dedicato molta vita a cercare di scardinare i meccanismi nefasti che dividono gli abitanti della terra in predati, predatori e opportunisti.

    Proseguì nella lettura

  • Parole per unire

    Essere comunità per cambiare quel pezzo di Terra su cui appoggiamo il nostro sguardo e i nostri passi.

    “Comunità, insieme di persone unite tra di loro da rapporti sociali, linguistici e morali, vincoli organizzativi, interessi e consuetudini comuni” scrive il vocabolario. Comunità è luogo di legami e di rapporti umani sinceri, spazio dove ognuno collabora per quanto può o riesce. Un involucro protettivo, contenitore di persone unite da un filo invisibile, filo leggero che lega senza stringere.

    Proseguì nella lettura

  • Dire, fare, mangiare

    Le buone pratiche per sostenere la filiera alimentare giusta e pulita, migliorare la società e nutrirsi in modo sano e conviviale

    “Siamo quello che mangiamo” diceva il filosofo Ludwig Feuerbach nel lontano Ottocento per rimarcare l’influenza del cibo sul corpo, la psiche e lo spirito. E per sottolineare che l’alimentazione è alla base della cultura di ogni popolo, resa unica da tradizioni e riti che ruotano intorno al mangiare e alla tavola, luogo generatore di relazione ed empatia.

    Proseguì nella lettura

  • Buon 2018, Italia!

    Negli ultimi momenti del 2017 abbiamo chiesto ad alcuni amici, consapevoli e capaci di azioni alternative, di rispondere a questa domanda: "Cosa auguri all'Italia per il 2018?". Qui le risposte di coloro che hanno accolto il nostro invito!

    Proseguì nella lettura

  • L'abbraccio di Natale

    Dal Natale consumistico a quello responsabile, solidale e sostenibile

    “È arrivato Natale, Natale la festa di tutti, si scorda chi è stato cattivo”. Così cantava Pierangelo Bertoli. E proseguiva, sarcastico e malinconico, “è nato, si dice, poi fu crocifisso, aveva diviso il mondo in due parti e quelli che l’hanno trattato più male son quelli che hanno inventato il Natale”.

    Proseguì nella lettura