• Andare oltre l'apparenza

    Ci sono volute più di 1000 vittime e 2500 feriti per spostare i riflettori dalle passerelle delle sfilate di moda alla cruda realtà del settore tessile. È il 24 aprile 2013 e in una cittadina del Bangladesh alle porte di Dacca crolla un palazzo di 8 piani dove almeno 5.000 persone lavorano per le griffe occidentali del tessile.

    Proseguì nella lettura

  • Tessile note di trasparenza - Numero 4

    Copertina N. 4

    Per proseguire nella lettura del nostro approfondimento: "Tessile note di trasparenza"

    Proseguì nella lettura

  • Acquistare senza prevaricare

    Consumatori equi o predatori? Consigli per acquisti equilibrati in un mondo un po’ troppo squilibrato

    “Quando l’economia uccide bisogna cambiare” è l’invito di padre Alex Zanotelli, prete comboniano che ha dedicato molta vita a cercare di scardinare i meccanismi nefasti che dividono gli abitanti della terra in predati, predatori e opportunisti.

    Proseguì nella lettura

  • Dire, fare, mangiare

    Le buone pratiche per sostenere la filiera alimentare giusta e pulita, migliorare la società e nutrirsi in modo sano e conviviale

    “Siamo quello che mangiamo” diceva il filosofo Ludwig Feuerbach nel lontano Ottocento per rimarcare l’influenza del cibo sul corpo, la psiche e lo spirito. E per sottolineare che l’alimentazione è alla base della cultura di ogni popolo, resa unica da tradizioni e riti che ruotano intorno al mangiare e alla tavola, luogo generatore di relazione ed empatia.

    Proseguì nella lettura

  • Buon 2018, Italia!

    Negli ultimi momenti del 2017 abbiamo chiesto ad alcuni amici, consapevoli e capaci di azioni alternative, di rispondere a questa domanda: "Cosa auguri all'Italia per il 2018?". Qui le risposte di coloro che hanno accolto il nostro invito!

    Proseguì nella lettura

  • L'abbraccio di Natale

    Dal Natale consumistico a quello responsabile, solidale e sostenibile

    “È arrivato Natale, Natale la festa di tutti, si scorda chi è stato cattivo”. Così cantava Pierangelo Bertoli. E proseguiva, sarcastico e malinconico, “è nato, si dice, poi fu crocifisso, aveva diviso il mondo in due parti e quelli che l’hanno trattato più male son quelli che hanno inventato il Natale”.

    Proseguì nella lettura